Chirurgia della cataratta

L’ intervento chirurgico alla cataratta è il più comune e probabilmente uno di quelli più collaudati e sicuri nel campo della chirurgia oftalmica. Il primo segno della malattia è principalmente una visione offuscata o sfocata. L'unico trattamento efficace della cataratta noto ad ora è proprio l’ intervento chirurgico, in cui la lente naturale difettosa viene rimossa e al suo posto ne viene inserita una artificiale.

La cause di una visione non chiara

La visione alterata nella cataratta, considerata una delle malattie oculari più comuni negli adulti e negli anziani, è dovuta a difetti nella lente oculare. Questa si trova subito dietro l'iride, e la sua funzione principale è quella di deviare i raggi di luce che passano attraverso l'occhio, e proiettarli su una particolare area dell'occhio chiamata macula. Il verificarsi della cataratta in soggetti più giovani è spesso associato a determinate condizioni mediche come il diabete e l’ infiammazione cronica degli occhi, ma può anche svilupparsi dopo lesioni agli occhi.

La scelta della lente giusta e l'intervento

L’operazione chirurgiaca è eseguita a livello ambulatoriale. Prima di operare si rende insensibile la parte anteriore dell’occhio con del collirio, che servirà anche ad espandere la pupilla. Durante l'intervento, attraverso un'incisione sulla cornea ampia pochi millimetri, con l’ ausilio di un dispositivo ad ultrasuoni, la parte difettosa viene frantumata, liquefatta e quindi rimossa. Al suo posto viene quindi installata una lente artificiale. Le moderne lenti oculari vengono inserite all'interno dell'occhio con uno strumento  iniettore attraverso un’ incisione di soli tre millimetri. La lente viene inserita all'interno dell'occhio avvolta a forma di manicotto, e solo una volta posizionata all'interno dell'occhio viene svolta e posizionata correttamente. Le lenti intraoculari standard utilizzate nella chirurgia della cataratta sono monofocali e permettono una visione nitida a distanza. I pazienti dopo l'intervento chirurgico potranno quindi godere della stessa vista dei loro coetanei sani e avranno comunque bisogno di occhiali da lettura. Negli ultimi dieci anni si è notevolmente ampliato l'uso di lenti multifocali. Queste, tramite caratteristiche ottiche molto complesse, permettono la rifrazione della luce su angoli differenti. Viene quindi ripristinata acuità visiva al paziente dalla distanza e in prossimità. Se il paziente opta per tale tipologia di lente, dopo l'operazione non avrà bisogno di occhiali per leggere.

Il recupero dopo l'intervento chirurgico

La chirurgia della cataratta viene eseguita in anestesia locale e dura da 15 a 30 minuti. Dopo la procedura il paziente si somministrerà autonomamente nell'occhio operato speciali gocce a base di corticosteroidi e antibiotici, secondo le istruzioni ricevute dal medico. Il primo esame avrà luogo il giorno dopo l'intervento, e il paziente viene solitamente monitorato anche dopo una o due settimane.

Fattori di riscio nello sviluppo della malattia

I fattori che contribuiscono allo sviluppo della cataratta sono ereditarietà,  genere (è un po 'più comune nelle donne, fatto associabile con i cambiamenti ormonali in menopausa), il fumo e l'esposizione ai raggi UV. Il rischio è leggermente maggiore anche nelle persone miopi e dagli occhi marroni. Quale sia il momento migliore per la chirurgia della cataratta, dipende principalmente dai problemi personali del paziente e dalle sue esigenze. Credenza diffusa ma da sfatare è che la cataratta debba “maturare” prima di essere rimossa con l ’intervento chirurgico.

I pazienti più attivi, che subiscono dalla cataratta i maggiori limiti nelle loro attività quotidiane, possono accedere alla chirurgia anche nelle fasi precoci dellla patologia.

.

Gli articoli collegati

  • La cataratta

    La cataratta è considerata una delle più comuni cause di visione offuscata in età adulta. La frequenza di questa malattia aumenta con l'età e dopo 65 anni è causa di problemi alla vista per più della metà della popolazione. A causa dell'invecchiamento generale della popolazione il numero di pazienti con cataratta è in continua crescita. In Slovenia sono costantemente in attesa di chirurgia alla cataratta da 10 a 20.000 pazienti.  

  • L'uveite

     

    Quella di uveite è una diagnosi generale che descrive una gamma di condizioni infiammatorie e infettive dell'occhio. Comune a tutti questa situazione è la presenza di infiammazione alle uvee, che comprendono l'iride, il corpo ciliare e la coroide dell'occhio. Le cause più comuni di uveite sono toxoplasmosi, pars planiti, retinite da citomegalovirus e istoplasmosi.

     

 
 

Sei il candidato idoneo?

Se vuoi sapere subito se sei idoneo all'operazione, rispondi a sette semplici domande. Ci vogliono pochi minuti.

Verifica ora

La rivista "La Vista"

Pubblichiamo le novità per quanto riguarda la chirurgia refrattiva, spiegazioni professionali dei problemi oculari, testimonianze dei pazienti e i consigli per occhi sani e vista migliore. Ordina la tua copia gratuita della rivista "La vista". Compila il modulo e la rivista ti sarà inviata a casa tua.

Richiedi la coppia gratuita

 
ACCETTA L'UTILIZZO DEI COOKIE

Utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare i nostri servizi e mostrarle pubblicità personalizzata tramite l'analisi delle sue abitudini e preferenze. Se continua nella navigazione, significa che accetta l'utilizzo di questi cookies.
Per maggiori informazioni consulti la nostra Politica Cookie.