I problemi connessi alle lenti a contatto

Anche se le lenti a contatto sono utilizzate quotidianamente da milioni di persone, a causa della cura inadeguata delle lenti stesse, della scarsa igiene, e della mancanza di controlli periodici con visite oculistiche, queste possono causare danni permanenti agli occhi.

Tra le più comuni malattie e lesioni dell'occhio associate con l'uso di lenti a contatto, possiamo annoverare le seguenti:

Cheratite da Acanthamoeba

L’ acanthamoeba è un microscopico parassita che si trova nell’ acqua e che può infettare la cornea e causare cheratite. La malattia si verifica quasi esclusivamente in utilizzatori di lenti a contatto. I principali fattori di rischio sono il nuoto nelle piscine, laghi o al mare con le lenti a contatto sugli occhi, lenti a contatto mantenute in  soluzioni fatte in casa e scarsa igiene delle lenti. La caratteristica di questa condizione è grave dolore, arrossamento degli occhi e secrezione scarsa. La diagnosi è confermata dall'esame microscopico di cellule prelevate dalla superficie della cornea, e la malattia può essere trattata con antibiotici e farmaci antifungini. Nonostante un trattamento adeguato, la patologia può sfociare nello sviluppo di gravi cicatrici della cornea, che poi rendono necessaria una cheratoplastica , o trapianto della cornea.

Ulcera corneale

L’ulcera corneale di solito si presenta con occhio arrossato e dolorante, vista compremessa, e può essere aggravata da secrezione. È un'infezione localizzata della cornea, di solito come conseguenza di infezione batterica associata a lesione pre-corneale. Molto spesso si verificano danni alla superficie della cornea, causati da uso permanente di lenti a contatto. L'infezione può anche essere provocata da un fungo, e in questo caso di solito la causa è l’ Acanthamoeba. Tali infezioni spesso si incontrano in nuotatori che indossano lenti a contatto. Tra gli agenti virali che la causano, il virus dell’ herpes è il più comune.

Congiuntivite giganto - papillare

E ' un'altra caratteristica malattia associata con l'uso di lenti a contatto. Si riconosce dall'insorgenza di degenerazioni papillari sulla congiuntiva sotto la palpebra superiore. Il motivo dello sviluppo della malattia può essere una reazione immunitaria al materiale delle lenti a contatto o un’ irritazione causata dalla continua presenza delle stesse lenti a contatto. I pazienti dovranno in questa situazione astenersi dall’ indossare le lenti a contatto e di solito ricevono prescrizioni per unguenti corticosteroidi o gocce.

Ipersensibilità al liquido di mantenimento delle lenti a contatto

Si tratta di una reazione allergica ai componenti del fluido destinato allo stoccaggio delle lenti a contatto. I pazienti di solito hanno occhi rossi e irritati e problemi a portare le  lenti a contatto. Essi spesso hanno iniziato recentemente a utilizzare liquido per lenti a contatto di un altro produttore. Per superare questa difficoltà di solito è sufficiente l'uso di liquido senza conservanti o la sua sostituzione con uno diverso.

Depositi di proteine sulla lente a contatto

L'accumulo di depositi proteici su una lente a contatto può renderla fastidiosa da indossare e provocare irritazione all'occhio. Il problema viene eliminato cambiando le lenti a contatto. Per evitare questo inconveniente si consiglia l'uso di lenti a contatto giornaliere o mensili.

Sindrome da lente a contatto stretta

I sintomi di questa sindrome di solito si verificano quando si indossano lenti a contatto dalla curvatura inadeguata. Essa può insorgere a causa di modificazioni nel film lacrimale sulla superficie della cornea, o a causa di cambiamenti di forma della cornea associati con uso di lenti a contatto, ma può verificarsi anche in coloro cui sono state prescritte le lenti a contatto inappropriate.

In genere i pazienti durante le prime ore indossano le lenti senza problemi, ma poi queste iniziano a diventare fastidiose e irritanti per gli occhi. L'occhio può anche arrossarsi. Alla visita di solito riconosciamo una lente a contatto inadatta dal fatto che essa si muove al momento della chiusura e apertura degli occhi. Possiamo risolvere il problema prescrivendo lenti con curvature minore o di un diametro inferiore. In generalmente la lente a contatto deve potersi adattare correttamente alla superficie della cornea, consentendo anche un'adeguata penetrazione del film lacrimale sotto la lente a contatto stessa.

Modificazioni della curvatura corneale

La modificazione dela curvatura corneale può verificarsi in chi  indossa lenti a contatto, sia dure che morbide, in modo continuo. In questo disturbo, la curvatura della cornea tende a diventare simile alla curvatura della lente a contatto. Tipicamente, questa condizione provoca progressiva perdita della vista e la necessità di frequenti sostituzioni delle lenti a contatto con altre più potenti, per il peggioramento della situazione diottrica. La diagnosi si esegue con topografia corneale, che ci mostra come la malattia abbia variato la curvatura della cornea. L'unico trattamento possibile è l'interruzione dell'uso di lenti a contatto. Quando la curvatura della cornea si stabilizza e normalizza di nuovo, si può provare di nuovo la prescrizione di lenti a contatto, ma spesso questo porta il soggetto ad una ricaduta.

Gli articoli collegati

  • Il cheratocono della cornea

    Il cheratocono è una malattia degenerativa non infiammatoria della cornea che, con la sua progressione,  diventa più sottile e più arrotondata. I primi segni che dovrebbero far sospettare della patologia, sono la mancanza di acuità visiva e le rapide variazioni nelle diottrie. La malattia viene trattata con successo con l’intervento chirurgico detto di "crosslinking corneale", in cui la cornea viene impregnata con una soluzione speciale di vitamina B2, e sottoposta a radiazioni UV,  innescando così una reazione chimica che va ad aumentare la rigidità della cornea.

  • L'occhio secco

    La causa principale dell’occhio secco è la scarsa produzione di liquido lacrimale. In aggiunta, la sensazione di secchezza contribuisce a stimolare ulteriormente secrezioni improprie, che andranno a depositarsi sullo strato liquido che abbiamo a protezione dell’occhio.

  • Malattie della cornea in generale

    La cornea, che riceve la luce e permette una visione chiara, è come una finestra sulla parte anteriore dell'occhio.  Tra le varie malattie che colpiscono la cornea e possono causare una visione sfocata o irregolare, fino al limite estremo della cecità, vi sono cheratocono, cheratite, ulcera corneale e cicatrice della cornea (macula).

 
 

Sei il candidato idoneo?

Se vuoi sapere subito se sei idoneo all'operazione, rispondi a sette semplici domande. Ci vogliono pochi minuti.

Verifica ora

La rivista "La Vista"

Pubblichiamo le novità per quanto riguarda la chirurgia refrattiva, spiegazioni professionali dei problemi oculari, testimonianze dei pazienti e i consigli per occhi sani e vista migliore. Ordina la tua copia gratuita della rivista "La vista". Compila il modulo e la rivista ti sarà inviata a casa tua.

Richiedi la coppia gratuita

 
ACCETTA L'UTILIZZO DEI COOKIE

Utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare i nostri servizi e mostrarle pubblicità personalizzata tramite l'analisi delle sue abitudini e preferenze. Se continua nella navigazione, significa che accetta l'utilizzo di questi cookies.
Per maggiori informazioni consulti la nostra Politica Cookie.